Top menu

Archivio | Campagna Sbilanciamoci!

1Sbil - 5x1000

Il tuo cinque per mille a Sbilanciamoci!

Oggi più che mai, di fronte alla crisi Covid, donare il 5×1000 a Sbilanciamoci! è un gesto decisivo per sostenere il nostro ultraventennale lavoro a favore di un nuovo modello di sviluppo, di un’economia di giustizia, della pace, dei diritti. E per continuare a dare voce a tutti quelli che si riconoscono nel nostro impegno […]

unnamed

È il momento di discutere la Legge sulla Difesa civile non armata e nonviolenta

In occasione della Festa della Repubblica, e della sua Costituzione che ripudia la guerra, le Reti promotrici di “Un’altra difesa è possibile”, tra cui la Campagna Sbilanciamoci!, rilanciano la mobilitazione con una richiesta a Camera e Senato: si avvii la discussione parlamentare sulla Legge sulla Difesa civile non armata e nonviolenta. Pubblichiamo il comunicato stampa.

Alta Sostenibilità - Lo studio e l'analisi di ASviS

Alta Sostenibilità – Lo studio e l’analisi di ASviS sul PNRR

La puntata di “Alta Sostenibilità” del 31 maggio ha ospitato Giulio Marcon, Giulio Lo Iacono, Ruggero Po e Chiara Braga per un confronto sullo studio e l’analisi dell’ASviS sul Pnrr. Al centro del dibattito i seguenti temi: ambiente, parità di genere, politica industriale, occupazione, terzo settore e il piano di ripresa spagnolo.

534e5fb4-82ed-4609-93e2-28811435f57c

Quale Europa dopo la pandemia?

È disponibile la registrazione del seminario online organizzato da Sbilanciamoci! in occasione della pubblicazione della traduzione italiana del Rapporto EuroMemorandum 2021: al centro del dibattito le sfide economiche, sociali e ambientali per uscire dalla crisi Covid con un’altra Unione Europea.

cartridges-3290252_1920

Il Recovery Plan armato del governo Draghi: fondi UE all’industria militare

Rilanciamo l’articolo, apparso sul sito di Azione nonviolenta, della Rete Italiana Pace e Disarmo sul Recovery Plan: non solo si contraddicono le finalità del Piano europeo per la ripresa, ma accantonando le proposte delle organizzazioni civiche (e del mondo del lavoro) si considera il settore militare, già finanziatissimo, come fattore di ripresa per il Paese.