Top menu

Autori Sezioni: Luciana Castellina

organism-1480569_1280

Vertenze su obiettivi concreti

Nonostante l’impegno di movimenti ambientalisti e di qualche pezzo di sinistra, del disastro che incombe sulla Terra non solo non c’è riflesso nel dibattito istituzionale, ma sembra che non ci sia neppure consapevolezza. Il secondo raduno europeo dei Friday for Future, a Torino e i cui lavori ho avuto l’onore di aprire insieme al segretario […]

Luciana_Castellina_-_TFF_OFF_2012

La guerra è a una svolta storica

Dopo le parole con cui il segretario generale della Nato Stoltenberg ha zittito Zelenski sulla Crimea, i leaders europei hanno iniziato pur con molte titubanze a capire il concreto rischio di scivolare in una terza guerra mondiale senza che nessun parlamento abbia affrontato la questione. Siamo a una svolta storica e anche la visita di […]

afghanistan_0_0

Afghanistan (e altrove): che fare oggi?

I Talebani governano Kabul, il paese è al collasso. Che cosa possiamo fare oggi? E come affrontiamo le tensioni tra Occidente e Russia sull’Ucraina? E le decine di altri conflitti in tutto il mondo? La prefazione dell’ebook ‘Afghanistan senza pace, 2001-2021’.

2BA378C7-C37A-4039-B5CA-3E307160181F

Il ‘decennio rosso’ in fabbrica, 1969-70

Nel volume La fabbrica del manifesto (Manifestolibri) Luciana Castellina e Massimo Serafini, hanno raccolto documenti, memorie di protagonisti, materiali su sindacato e politica negli anni delle lotte operaie 1969-79,  mettendo al centro il ruolo avuto dal Manifesto-Pdup e dalla nuova sinistra.

42107983_2637400762944150_7763323755987730432_n

«Il tempo nuovo del sindacato». Dialogo con Landini

Misurarsi con la grande questione ambientale, per un piano complessivo a partire dalla centralità dell’occupazione e di una sua trasformazione. Il «sindacato di strada» potrebbe essere uno degli strumenti per rivitalizzare la mobilitazione. Perchè oggi viviamo una condizione che non è più quella degli anni ‘60. Da il manifesto.

ecology-2903067_1920

Le lacune di Draghi

Quanto mi delude e mi allarma del governo Draghi non è la presenza dei partiti di Salvini o Brunetta, in qualche modo scontata quando si ricorre a un governo di emergenza. E’ invece soprattutto la scelta dei tecnici di fiducia operata dal nuovo presidente del Consiglio che in questo si è fidato solo di manager. E […]

Sostieni Sbilanciamoci! per l’organizzazione de
“L’altra Cernobbio”

 

Clicca qui, fai subito una donazione!