Top menu

Archivio | Marzo, 2021

images2

Finanza e potere lungo le nuove Vie della Seta

“Finanza e potere lungo le nuove Vie della Seta” di Alessia Amighini affronta le strategie di sviluppo promosse dalla Repubblica popolare cinese per proseguire la sua ascesa nell’arena globale. Analizza il singolare sistema finanziario basato sul renminbi e porta il lettore a confrontarsi con la pluralità di sfide che la Cina si trova davanti.

a8646837-9f22-0141-5716-fee38e53cc91

India e Cina, un confronto impari 

Da settimane si assiste a una crescente escalation di tensione tra India e Cina: dopo le scaramucce di frontiera di giugno, ora New Delhi si appresta a una guerra commerciale con toni autarchici e mentre stringe sempre più legami con gli Usa.

50f6d561-2e1c-fe5d-de13-e960fff566a2

Elogio della Comune: perché è ancora attuale

A 150 anni dalla Comune di Parigi, quell’esperienza ci parla di oggi, perché ci ricorda il valore della democrazia dal basso, l’autogoverno, il radicalismo egualitario capace di scalzare privilegi e gerarchie, la dimensione libertaria e laica, la gratuità e universalità dell’istruzione, la passione disinteressata di un impegno collettivo, di identità condivise.

street-3401948_1920

Roma, la capitale vuota

Il prossimo autunno i cittadini romani saranno chiamati a eleggere il loro nuovo sindaco, in una situazione critica per la città. Un viaggio nella storia della capitale dal dopoguerra a oggi, per capire come e perché è cambiata (molto in peggio). E come siamo arrivati a questo punto. Dal sito “cheFare”.

dollar-2891817_1920

Troppi soldi a troppa gente?

Negli Stati Uniti crescono i timori di inflazione alimentati dall’approvazione del nuovo pacchetto di aiuti economici dell’amministrazione Biden. E i titoli di stato USA a 10 anni sono tornati ai massimi da un anno. Dobbiamo temere per la ripresa post-pandemia?

PH MICHELE ALBERTO SERENI

I ristori e la qualità della vita

Il peggioramento degli indicatori del benessere equo e sostenibile (BES) confermano una situazione, economica ma anche culturale, allarmante. E indicano anche priorità e bisogni collettivi. “Peccato la politica non li utilizzi come strumento”, dice il ministro Giovannini.