Top menu

Quale Europa dopo la pandemia?

È disponibile la registrazione del seminario online organizzato da Sbilanciamoci! in occasione della pubblicazione della traduzione italiana del Rapporto EuroMemorandum 2021: al centro del dibattito le sfide economiche, sociali e ambientali per uscire dalla crisi Covid con un’altra Unione Europea.

In occasione della pubblicazione della traduzione italiana a cura di Sbilanciamoci! del Rapporto EuroMemorandum 2021 “Un’agenda per la trasformazione socio-ecologica dell’Europa dopo la pandemia”, e nell’ambito delle iniziative di public engagement del progetto europeo GROWINPRO, si è tenuto il seminario online, organizzato da Sbilanciamoci!, per discutere l’impatto e le conseguenze della pandemia di Covid-19 sull’Unione Europea e la sua governance economica e istituzionale.

A partire da tre domande cruciali: quando e come usciremo dalla gravissima crisi economica e sociale causata dalla pandemia? Si è forse aperto negli ultimi mesi uno spazio di manovra nell’Unione Europea per realizzare un processo di integrazione continentale capace di affrontare il nodo delle disuguaglianze e degli squilibri economici, produttivi e territoriali all’interno e tra i suoi Stati membri? E quali sono le politiche e le scelte che dovrebbero sostenere questo processo, anche dal punto di vista della sostenibilità sociale e ambientale?

Ne discutono:

  • Marcella Corsi, professoressa di economia presso “Sapienza” Università di Roma, già rappresentante dello Steering Committee di EuroMemo Group;
  • Lucrezia Fanti, ricercatrice post-doc presso l’INAPP, economista di Sbilanciamoci!;
  • Mario Pianta, professore di economia presso la Scuola Normale Superiore, sede di Firenze, economista di Sbilanciamoci!;
  • Andrea Roventini, coordinatore del progetto GROWINPRO, professore di economia presso la Scuola Superiore Sant’Anna.

Ucraina guerra Europa

 

 

Scarica gratis il nuovo ebook

A dispetto delle difficoltà economiche che stiamo attraversando, abbiamo voluto che questo ebook fosse gratuito e a disposizione di quante più persone possibile.

 

Chiediamo perciò a chi può farlo di sostenere Sbilanciamoci!, consapevoli che anche un piccolo contributo fa la differenza.