Top menu

FERMIAMO LA GUERRA

La guerra in Ucraina si aggiunge ai tanti conflitti armati troppo spesso dimenticati presenti nel mondo e riapre nel cuore dell’Europa un conflitto drammatico, con effetti devastanti sulle popolazioni civili, per i bombardamenti, le distruzioni e gli esodi di massa di donne, uomini e bambini.

Per il disarmo, la giustizia sociale e ambientale e la solidarietà tra i popoli
Giovedì 9 giugno alle ore 18.00 mobilitazione per la pace a piazza Vittorio a Roma.

Sindacati, movimenti e reti sociali si mobilitano contro la guerra, condannando l’invasione russa dell’Ucraina, ed esprimono la solidarietà al popolo ucraino attraverso aiuti umanitari, sostegno alla popolazione e ai progetti di accoglienza. Allo stesso tempo, convinti che la Pace si costruisce attraverso il negoziato, questo universo ha posto in essere iniziative che hanno provato a sollecitare una forte iniziativa politica e istituzionale del Governo Draghi e dell’Europa per arrivare a immediato cessate il fuoco e ad una Pace stabile in grado di garantire pace, giustizia e sicurezza all’Ucraina, alla Russia e all’Europa. Invece assistiamo sgomenti al tentativo di sovrapposizione politica di Europa e NATO. La diplomazia tace e all’escandescenza verbale dei capi di stato segue l’escalation militare, con la decisione dei governi degli stati aderenti alla NATO, tra cui quello italiano, e alcuni altri governi, di inviare armi all’Ucraina, invece di lavorare per il cessate il fuoco e per l’apertura di un negoziato. Questa scelta la giudichiamo: gravissima, senza sbocco, estremamente preoccupante e pericolosa.

Con il continuo invio di armi incentiviamo l’inasprirsi della guerra fino al rischio di utilizzo delle armi nucleari. Dal nostro punto di vista, insieme alle tante forze che compongono il movimento per la Pace dobbiamo riprendere l’iniziativa pubblica e continuare a mobilitarci a livello locale e internazionale e levare forte la voce per la cessazione immediata del conflitto nel rispetto della convivenza delle popolazioni e degli Stati coinvolti e dell’autodeterminazione dei popoli. La Pace è la premessa indispensabile per affermare i diritti dei lavoratori e delle lavoratrici, delle figure della precarietà diffusa, per costruire una società fondata sulla giustizia sociale e ambientale, sul rispetto delle generazioni che verranno.

La guerra rappresenta l’antitesi di tutto ciò per cui ci mobilitiamo. La guerra non è un fatto che si manifesta all’improvviso, bensì si costruisce giorno dopo giorno in mesi o anche anni. Allo stesso modo anche la Pace è un processo che va costruito e rafforzato con fatti concreti e l’urgenza che la situazione impone.

La smilitarizzazione del dibattito politico e la pace sono premesse indispensabili per continuare a lottare per un cambiamento del modello di sviluppo economico e sociale equo, giusto, aperto e ambientalmente sostenibile. La guerra impoverisce, aumenta le ingiustizie sociali, ambientali ed ecologiche a danno soprattutto delle classi sociali che vivono già in grande difficoltà; produce esclusione sociale, allarga le disuguaglianze, le nasconde (spostando l’attenzione sul conflitto) e impedisce di risolverle; rafforza le mafie, la corruzione e amplia la zona grigia rafforzando la criminalità organizzata e il ricatto che questa esercita sui territori; distrugge interi ecosistemi.

Per queste ragioni saremo giovedì 9 giugno alle 18.00 a piazza Vittorio a Roma per una grande manifestazione-assemblea pubblica per la pace insieme ai movimenti sociali, alle sensibilità pacifiste, alle varie anime della società civile impegnata per l’ambiente, i diritti, la giustizia sociale, ambientale ed ecologica.

L’iniziativa è promossa dalla FIOM-CGIL Roma e Lazio e dalla FLC-CGIL Roma e Lazio insieme a CGIL Roma e Lazio, ANPI Comitato Provinciale di Roma, ARCI Roma, Associazione Nazionale Giuristi Democratici, Associazione Senza Confini, Casa Internazionale delle Donne, Casetta Rossa, Centro Interculturale Celio Azzurro, Centro socioculturale Affabulazione, Cinecittà Bene Comune, CNCA Lazio, Coordinamento genitori democratici di Roma, Comunità Palestinesi di Roma e del Lazio, CSOA La Strada, CSOA Spartaco, Da Sud, Fairwatch, FLAI-CGIL Roma e Lazio, Fridays for Future Roma, Laboratorio politico Left, La rete della città di Roma, Le CaSette in Action, Legambiente Lazio, Legambiente Nazionale, Libera Roma – Coordinamento Provinciale, Lunaria, Mediterranea Roma, MoveOn Italia, Nessun Dorma, Parents for Future Roma, Polo Civico, Rete degli studenti medi di Roma, Rete degli studenti medi Nazionale, Rete dei Numeri Pari, Rete Italiana Pace e Disarmo, Rete NoBavaglio, Sbilanciamoci!, Scomodo, Slow Food Roma, Spin Time Labs, Terra!, UdS – Unione degli Studenti di Roma, UDU – Unione degli Universitari di Roma, Uiki Onlus – Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia, UP – Su la testa!, Villaggio della Pace.

Interviene Francesco Sinopoli, segretario generale FLC-CGIL e conclude Michele De Palma, segretario generale FIOM-CGIL.

Si alterneranno sul palco gli interventi dei movimenti, delle associazioni e delle reti sociali, con la partecipazione di Luciana Castellina e Vauro Senesi, la lettura di poesie contro la guerra “Pace all’attacco” e la musica di Giulia Anania, Los Tres Saltos, Lavinia Mancusi insieme al fisarmonicista Mauro Menegazzi, Effekto, e gli Evil (un duo di Bafolk).

Dona il 5x mille a Sbilanciamoci!

 In oltre 20 anni di attività il vostro supporto è stato fondamentale per mandare avanti le attività di Sbilanciamoci! Potete ancora aiutarci donando il 5×1000 a Lunaria: in sede di dichiarazione dei redditi, basta apporre una firma nel riquadro “Sostegno alle associazioni di promozione sociale…” e scrivere il codice fiscale 96192500583.

Grazie fin da subito!

Dona il 5 per mille a Sbilanciamoci!