Top menu

Autori Sezioni: Claudio Gnesutta

Unione europea, serve un social compact

Social compact/Se l’Europa non vuole disperdere la solidarietà politica che è stata una giustificazione importante del suo progetto costitutivo, è essenziale che essa costruisca una politica del welfare a livello dell’intera Unione

Crescita: vecchi e nuovi problemi

Dibattito sulla crescita/Le domande poste agli economisti progressisti mostrano lo scontro in atto tra un processo di crescita in una società di mercato e una visione alternativa di sviluppo della società. Una visione, quest’ultima, che richiede di spostare l’obiettivo sul lavoro e di prospettare un modello di consumo alternativo

Cambiare politica, non uscire dall’euro

Euro tunnel/2 La politica ha imposto a tutti di abbandonare il “modello sociale” che pur aveva motivato per tutti le scelte dell’integrazione europea. Uscire dall’euro non è la soluzione del problema. La questione di fondo è piuttosto cambiare radicalmente le politiche europee

Il signoraggio e la bad bank

Banche da legare/3 L’operazione Imu-Bankitalia ha privatizzato un bene pubblico. Alla fine chi sborserà i soldi sarà il Tesoro. In arrivo il «modello Alitalia»

Una risposta a Bankitalia

Dopo il nostro articolo sulla “privatizzazione del signoraggio”, l’Istituto di via Nazionale smentisce che la rivalutazione del suo capitale sia un regalo alle banche. Ma se l’attività della Banca è una funzione pubblica per quale ragione allora le banche pretendono di vantare un diritto di partecipazione ai suoi utili?

Privatizzare il signoraggio?

Rivalutare le quote delle banche private, così come previsto dal decreto Bankitalia, significa sottrarre al Tesoro parte di questi introiti di natura pubblica. Siamo in presenza di un processo di privatizzazione del signoraggio che, a danno della collettività, avvantaggia alcuni privati

Rottamare il Pil e gli economisti?

Il ridimensionamento del ruolo del Pil nelle scelte politiche comporta un ridimensionamento del potere tecnocratico, perché intacca l’assolutezza della teoria economica e sollecita la consapevolezza della necessità della riacquisizione di spazi di effettiva democrazia. Perciò il superamento del Pil costituisce un nodo culturale per la democrazia

Prendiamocela con l’Europa

Il “Manifesto dei 15”, l’appello promosso da 15 intellettuali sugli effetti delle politiche di austerità nella crisi, è non solo utile ma anche educativo. La stretta sociale dell’austerity rende urgente e opportuno “prendersela con l’Europa”. Una replica alle critiche espresse da Michele Salvati sul Corriere della Sera