Top menu

Oltre tre milioni di precari: il record dal 1997

Non si può assistere all’aumento dei dipendenti a tempo determinato senza fare niente. A preoccupare anche il tasso di occupazione che non arriva al 60% e l’invecchiamento della popolazione occupata. Da Collettiva.it

Le statistiche Istat sull’andamento di occupati e disoccupati nel mese di aprile hanno scostamenti lievi rispetto al mese precedente. Il dato più importante è che si conferma la continua crescita dell’occupazione precaria che raggiunge il nuovo record di 3 milioni 166 mila dipendenti a termine. Tutto questo in un anno di forte crescita economica, come confermano i dati di ieri sul Pil. Il secondo elemento da considerare è che neanche stavolta il tasso di occupazione arriva alla soglia del 60%, nonostante l’andamento demografico. Il numero totale di dipendenti è più o meno quello di febbraio 2020, ma il tasso rispetto ad allora si alza soprattutto perché ci sono oltre 500 mila persone in meno fra la popolazione in età 15-64 anni, altrimenti avremmo lo stesso tasso pre-pandemico di circa il 59%.

Un’ulteriore constatazione è relativa al proseguimento dell’invecchiamento dell’occupazione italiana; il contributo alla crescita degli occupati nell’ultimo anno (aprile 2021-2022) per gli over 50 è di circa il 40%, che superano in numero totale gli occupati 35-49 anni che ancora arretrano. Come è noto, la precarietà (così come il part-time involontario) colpisce maggiormente i giovani, i migranti e le donne ma, nonostante il vertiginoso aumento di lavoratori precari, il tasso di occupazione delle donne resta ancora sotto il 51%.

Read more

Dona il 5x mille a Sbilanciamoci!

 In oltre 20 anni di attività il vostro supporto è stato fondamentale per mandare avanti le attività di Sbilanciamoci! Potete ancora aiutarci donando il 5×1000 a Lunaria: in sede di dichiarazione dei redditi, basta apporre una firma nel riquadro “Sostegno alle associazioni di promozione sociale…” e scrivere il codice fiscale 96192500583.

Grazie fin da subito!

Dona il 5 per mille a Sbilanciamoci!