Top menu

Il Rapporto EuroMemorandum 2020

Rapporto EuroMemorandum 2020. Un green new Deal per l’Europa. Sfide e opportunità”

“Un Green New Deal per l’Europa. Opportunità e sfide”: questo è il titolo dell’edizione 2020 del Rapporto EuroMemorandum realizzato dall’EuroMemo Group. Quest’anno, a differenza del passato, Sbilanciamoci! non propone al lettore la traduzione italiana integrale del volume, ma una sua sintesi ragionata: l’EuroMemorandum 2020 deriva infatti dai dibattiti e dalle relazioni presentate al XXV “Workshop on Alternative Economic Policy in Europe” organizzato dall’EuroMemo Group – in collaborazione con l’Università Paris 13 – dal 26 al 28 settembre 2019 a Parigi. La diffusione della pandemia è cioè successiva rispetto alla pubblicazione originale del Rapporto, e ha mutato drasticamente il contesto economico e politico.

In questa edizione italiana abbiamo pertanto eliminato i paragrafi relativi alle proiezioni macroeconomiche e ai vincoli istituzionali dell’Unione Europea, che sono stati superati dagli eventi dei primi mesi del 2020. Il Rapporto è corredato dalla traduzione della dichiarazione dell’EuroMemo Group del 2 aprile 2020 “La crisi Covid-19. Un punto di svolta per il progetto europeo”, che discute i nuovi scenari alla luce del Covid-19. Nella versione sintetica che abbiamo curato, le sfide per le politiche europee presentate da EuroMemorandum restano di grande rilevanza per le risposte alla pandemia e per affrontare i problemi strutturali dell’Europa.

Per scaricare gratuitamente l’ebook in pdf basta compilare il seguente formulario e salvare il file


Acconsento a rimanere aggiornato su servizi e iniziative promozionali per quanto attiene al trattamento dei dati personali per le finalità promozionali e di aver preso visione della Informativa sulla privacy

Rapporto EuroMemorandum 2020

Le conseguenze negative della pandemia si stanno inevitabilmente manifestando anche su Sbilanciamoci!, le cui iniziative sono completamente autofinanziate. A dispetto delle difficoltà economiche che stiamo attraversando, abbiamo voluto che questo ebook fosse pubblicato gratuitamente e messo a disposizione di quante più persone possibile. Chiediamo perciò a chi può farlo di sostenere Sbilanciamoci!, consapevoli che anche un piccolo contributo fa la differenza.
Per sostenere il nostro lavoro si può contribuire in vari modi:

  • versare un contributo direttamente online dalla pagina Sostieni Sbilanciamoci!
  • versare un contributo sul conto corrente bancario IT49E0501803200000010017382, Banca Popolare Etica, intestato all’associazione Lunaria, indicando come causale “Donazione Sbilanciamoci!”
  • effettuare un versamento con bollettino postale sul C/C 33066002, intestato all’associazione Lunaria, indicando come causale “Donazione Sbilanciamoci!”.
  • destinare il 5×1000 a Sbilanciamoci!, mettendo la firma sulla dichiarazione dei redditi nel riquadro “Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, associazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale…” e inserendo nello spazio “codice fiscale del beneficiario” il codice fiscale 96192500583 di Lunaria, l’Associazione di Promozione Sociale che da sempre coordina le iniziative di Sbilanciamoci!.

Abbiamo pubblicato 5mila articoli da parte di oltre 400 autori.
Abbiamo realizzato e messo a disposizione gratuitamente oltre 100 pubblicazioni e rapporti di ricerca.
Questo sito è stato visitato da marzo 2020 da oltre 300mila utenti.
Abbiamo inviato 600 newsletter settimanali a un indirizzario di più di 15mila persone.
Con la Campagna Sbilanciamoci!, dal 1999, abbiamo realizzato 20 “Controfinanziarie” annuali e organizzato più di 500 iniziative pubbliche – forum, seminari, convegni, manifestazioni, sit-in, conferenze stampa – in tutta Italia.
Abbiamo oltre 20mila followers tra Facebook e Twitter.

Sostieni Sbilanciamoci!, aiutaci a fare ancora di più

L’indice del Rapporto EuroMemorandum 2020

Introduzione
Il cambiamento climatico, le politiche urbane e agricole
Lavoro e politiche sociali
L’economia digitale e l’Europa
Appendice. La crisi Covid-19. Un punto di svolta per il progetto europeo