Top menu

Promuovere la ricerca e recuperare talenti dall’estero

L’Italia non è abbastanza attraente per i ricercatori di altri paesi e non riesce a trattenere molti di quelli che forma nelle proprie istituzioni. Possibili rimedi. Da neodemos.

Conoscenza, ricerca e scienza sono essenziali per lo sviluppo della società. L’Italia ha una debolezza cui deve porre rimedio: non è abbastanza attraente per i ricercatori di altri paesi e non riesce a trattenere molti di quelli che forma nelle proprie istituzioni. Negli ultimi dieci anni i flussi netti in uscita hanno avuto un’accelerazione, e la mobilità di breve periodo si è spesso trasformata in permanente. Sulla base dei dati Istat sulla sede di lavoro di chi ha ottenuto il dottorato di ricerca, si può stimare che nel periodo 2008-2019 circa 14 mila ricercatori, residenti in Italia prima dell’inizio del dottorato, si siano trasferiti all’estero (MPRA – L’emigrazione dei ricercatori italiani). Pochi sono, invece, gli stranieri con un dottorato che si sono trasferiti in Italia e operano nel settore della ricerca. La percentuale dei PhD italiani che risiede e lavora all’estero è passata dal 6% di chi ha ottenuto il PhD nel 2010 al 13% della coorte del 2018 (ISTAT – L’inserimento professionale dei dottori di ricerca). Si è determinato così un crescente saldo negativo nella mobilità dei talenti, che indebolisce il nostro paese nei confronti di altri paesi con analogo grado di sviluppo.

Read more

Ucraina guerra Europa

 

 

Scarica gratis il nuovo ebook

A dispetto delle difficoltà economiche che stiamo attraversando, abbiamo voluto che questo ebook fosse gratuito e a disposizione di quante più persone possibile.

 

Chiediamo perciò a chi può farlo di sostenere Sbilanciamoci!, consapevoli che anche un piccolo contributo fa la differenza.