Top menu

Ripartire da Sbilanciamoci!

In questi anni Sbilanciamoci ha prodotto più di 150 rapporti e organizzato centinaia di iniziative in tutta Italia, un punto di riferimento per tante persone, gruppi, comitati che lavorano per un’economia diversa, per un modello di sviluppo sostenibile fondato sulla pace, l’ambiente e i diritti. Da oggi torno a essere portavoce della campagna ringraziando i […]

Riprendo da oggi a rappresentare, come portavoce, la campagna Sbilanciamoci!
Quando i due portavoce uscenti – Grazia Naletto e Andrea Baranes- e le associazioni
aderenti mi hanno chiesto di tornare a rappresentare la campagna non ho avuto dubbi.
Sbilanciamoci continua ad avere un ruolo importante nella società italiana: un punto
di riferimento per tante persone, gruppi, comitati che lavorano per un’economia
diversa, per un modello di sviluppo sostenibile fondato sulla pace, l’ambiente e i diritti.

In questi anni Sbilanciamoci ha prodotto più di 150 rapporti e organizzato centinaia
di iniziative in tutta Italia. Con le “controfinanziarie” abbiamo dimostrato che si può usare la spesa pubblica in modo diverso: per i cittadini e la società. Con le
“controcernobbio” abbiamo plasticamente mostrato che non ci sono solo i ritrovi
lussuosi dell’establishment finanziario, ma anche i laboratori culturali e
programmatici della società civile per una economia diversa.

Con il QUARS (Qualità regionale dello sviluppo) abbiamo anticipato di molti anni quello che poi sarebbe diventato legge dello stato: l’uso degli indicatori di benessere per le politiche pubbliche. Abbiamo -insieme ad altre campagne- portato alla luce la follia degli F35 e a forza di insistere abbiamo fatto approvare alcune delle nostre richieste: la sperimentazione dei corpi civili di pace, il sostegno della finanza etica, le agevolazioni per i GAS (Gruppi di acquisto solidale), i finanziamenti per il servizio civile. E altro ancora.

Di Sbilanciamoci c’è ancora (e tanto) bisogno, perché c’è bisogno di costruire
un’alternativa culturale e programmatica per cambiare le politiche pubbliche ed il
modello di sviluppo. E ce n’è bisogno ancora di più oggi, quando -di fronte al rischio di autoritarismo, di criminalizzazione dei poveri e dei migranti e di limitazione dei diritti- gli spazi di democrazia e di organizzazione della società civile, non solo vanno difesi, ma allargati e rafforzati.

Grazia Naletto – tra le protagoniste migliori in questo paese del movimento contro il
razzismo e per i diritti dei migranti- e Andrea Baranes – uno dei più efficaci attori
della finanza etica e di un’altra economia- hanno portato avanti in questi anni un
lavoro straordinario. Riprendere da loro il testimone della rappresentanza di
Sbilanciamoci, è un onore e una sfida per continuare ed arricchire il lavoro di una
campagna che ha ancora molto da dire e da fare.

PayPal - Il sistema di pagamento online più facile e sicuro!