Home / Sezioni / alter

facebook-link twitter-link

Newsletter

Registrati alla newsletter di sbilanciamoci.info

Sezioni

Alter

Economia e finanza

Operai e amici. Nel mare aperto di Torino

di Guglielmo Ragozzino

Ecosinistre/Dai monti della Sardegna alla Fiat di Torino. La storia di Gianni Usai, raccontata nel libro di Loris Campetti "Operaio in mare aperto"

Uno su otto

di Grazia Naletto

I rossi e i verdi/All'Europa del futuro non servono palliativi, ma riforme strutturali capaci di ridimensionare il potere della finanza, creare lavoro, redistribuire la ricchezza. Verdi e Gue hanno eletto 97 dei 751 europarlamentari: uno su otto. Saranno disponibili a lavorare insieme per restituire rappresentanza sociale ai cittadini europei?

La scommessa rosso-verde

di Jacopo Rosatelli

I rossi e i verdi/ La strada per cambiare l'Ue passa da una cooperazione tra le forze rosso-verdi del nuovo Parlamento e da un superamento delle divergenze. A partire da quelle su debito e unione bancaria. Parla Sven Giegold, eurodeputato e capolista dei Verdi in Germania

André Gorz rossoverde

di Luciana Castellina

I rossi e i verdi/È stato André Gorz a spiegare il nesso fra ecologismo e capitalismo: che il verde non poteva esser più pensato senza il rosso nè il rosso senza il verde

L'ascesa della destra e l'alternativa impensabile

di Anna Maria Merlo

I rossi e i verdi/ «Dall'economia all'immigrazione, i socialisti francesi inseguono i partiti populisti. Intervista al sociologo francese Eric Fassin

Precari e nuovi poveri. Cambia il voto a sinistra

di Daniela Chironi

I rossi e i verdi/In Grecia e Spagna le proteste contro l'austerity hanno premiato Syriza e Podemos. E sembrano indicare il ritorno di un «voto di classe»

I movimenti e il 4,03% della Lista Tsipras

di Lorenzo Zamponi

I rossi e i verdi/I processi di mobilitazione sono stati in grado di politicizzare il discorso pubblico. Perchè in Italia questo non è successo

Dalla geotermia un'opportunità per l'Italia

di Massimo Angelone , Stefano Sylos Labini

Lo sfruttamento della geotermia a bassa temperatura rappresenta un’opzione molto conveniente per ridurre la dipendenza energetica del nostro paese